Nuovi motori per yacht ecologici
Denis Korablev
  • 28.09.2021
  • 99

Nuovi motori per yacht ecologici

Sono trascorsi poco più di cento anni dall'inizio della produzione industriale di petrolio e gas e l'umanità sta affrontando la minaccia dell'autodistruzione. Il rapido sviluppo dell'industria, l'urbanizzazione della società e la completa indifferenza per l'ambiente hanno portato al cambiamento climatico globale sulla terra.

Le imprese industriali gettano nell'atmosfera prodotti di scarto velenosi, le raffinerie di petrolio producono milioni di tonnellate di benzina che, bruciando nei carburatori di milioni di auto, rende l'aria velenosa. Se aggiungiamo a questa lista almeno il danno dell'industria chimica e la deforestazione incontrollata, il disastro si rivelerà del tutto reale. Le persone sono diventate consumatori e si sono chiuse nelle loro case - conchiglie. Per indebolire in qualche modo l'impatto negativo dell'umanità sul pianeta, i rappresentanti di 160 stati hanno adottato l'accordo di Kyoto, che regola l'emissione di gas serra e l'emissione di sostanze nocive dal funzionamento dei motori a combustione interna.

Le case automobilistiche, a loro volta, hanno introdotto requisiti rigorosi per limitare le emissioni nocive nell'atmosfera. Tali misure hanno dato un buon risultato. Lavorando su nuove forme di camere di combustione, migliorando la qualità dell'aspirazione, cambiando pistone, turbine, sistema di scarico e introducendo molte più soluzioni tecniche, gli ingegneri sono riusciti a ridurre le emissioni nocive di oltre il 50%.

Ma questo si è rivelato trascurabile, a tal punto la Terra ha sofferto per l'umanità. E' iniziata un'intensa ricerca di fonti energetiche alternative, che la natura ci ha regalato. Questo è il sole, l'aria e l'acqua - tutto ciò che offre il mare. E se le restrizioni Euro si applicano ai motori delle auto, allora anche i motori delle barche verranno sostituiti. Tali progetti esistono già e sono stati addirittura realizzati. La Direttiva Europea RCD (Direttiva sulle imbarcazioni da diporto), adottata nei primi anni 2000, prevede la riduzione dell'impatto ambientale dei motori a combustione interna delle navi private.

In questo articolo, gli esperti 2yachts mostrano i tipi di motori più promettenti che sostituiranno benzina e diesel.

Motore ibrido

Questi tipi di motori sono già stati testati nell'industria automobilistica e i primi risultati del loro utilizzo hanno mostrato risultati incoraggianti. I giganti automobilistici in Giappone e in Europa hanno collaborato con i produttori di motori marini (MTU, MAN, Volvo, Caterpillar) per creare un motore ibrido innovativo. L'idea di combinare un motore diesel familiare e un motore elettrico è stata realizzata in un motore che funziona senza rumore e inquinamento.

Se un tale ibrido non è legato ad un unico albero di trasmissione, il motore elettrico e il diesel possono funzionare autonomamente. Sviluppando una linea di motori ibridi, i produttori stanno lavorando attivamente su tecnologie per aumentare la conservazione dell'elettricità ottenuta dai generatori diesel, con il suo successivo utilizzo per garantire la propulsione della nave. La soluzione a questo problema dipende dall'autonomia e dalla velocità della barca con motore ibrido.

Motore elettrico

L'uso dell'energia solare per caricare le batterie delle navi è una direzione molto promettente per la creazione di centrali elettriche alternative. L'assoluta compatibilità ambientale e silenziosità sono i principali vantaggi del motore elettrico. Un esempio dell'applicazione di successo delle batterie solari nelle flotte di piccole dimensioni è l'uso pratico di motori di nuova generazione su imbarcazioni di lunghezza non superiore a 7 metri. I motori fino a 1000 kW richiedono un gran numero di batterie e generatori.

Continuando lo sviluppo di questa promettente direzione, il catamarano Planetsolar, lungo 30 metri, è stato creato e testato in un viaggio intorno al mondo. Questo viaggio ha confermato che senza l'uso di benzina o gasolio, avendo solo motori elettrici alimentati da accumulatori e pannelli solari (superficie di 470 mq), questo tipo di motore ha la prospettiva di utilizzato nella spedizione privata. Già oggi sono in corso i lavori per costruire yacht di 85, 115 e 135 piedi, la cui centrale elettrica sarà costituita da pannelli solari per alimentare le apparecchiature di bordo, mentre la spinta principale sarà fornita da un motore diesel.

Elettricità e combustibili puliti

La base di un tale motore è la conversione dell'energia chimica della combustione del carburante (idrogeno) in elettricità. Oltre all'idrogeno, ci sono installazioni con un altro combustibile: il metanolo. Il motore elettrico è alimentato da un generatore DC alimentato da celle a combustibile. La direzione promettente di ottenere energia economica e rispettosa dell'ambiente è rallentata a causa della complessità dello stoccaggio e della fornitura della centrale elettrica, nonché dell'alto prezzo del carburante.

Mentre sono in corso i lavori per ridurre i costi di produzione di un motore a idrogeno, la prima barca di sette metri dotata di un motore di nuova generazione ha superato con successo i test, sviluppando una velocità fino a 10 nodi con spinta mista. Una direzione promettente è l'uso di un motore a idrogeno, che è stato utilizzato con successo nella BMW Serie 7. Il lavoro misto di benzina e idrogeno ha mostrato risultati eccellenti. Questa tecnologia viene considerata in prospettiva per un uso diffuso su yacht a noleggio noleggio di yacht.

Motore a GPL

Il successo dell'uso dei motori a gas liquefatto nel trasporto terrestre ha spinto i progettisti a dotare le navi private dello stesso motore. Considerando che quando un motore a gas è in funzione, la riduzione delle emissioni di CO è del 20% e di ossido di azoto del 90%, la prospettiva di utilizzare tali motori è abbastanza reale. I motori benzina e diesel installati sugli yacht, dopo piccole modifiche tecniche, diventano quasi "puliti" in termini di emissioni nocive. I motori fuoribordo a gas non sono rari oggi.

L'unica preoccupazione è l'aumento dell'esplosività del carburante, ma il lavoro per risolvere questo problema è stato portato avanti con successo. Le tecnologie considerate dagli scienziati per normalizzare la situazione ecologica hanno direzioni diverse. Ora il problema è l'accumulo dell'energia ricevuta, ma anche la carica dei primi veicoli elettrici non è bastata per molto tempo, giusto?

Sono in corso ricerche approfondite per creare motori a energia eolica. E dove usare un motore del genere, se non su navi marittime? Non è lontano il giorno in cui un reattore nucleare delle dimensioni di un pacchetto di sigarette farà ruotare l'albero dell'elica di ogni nave.