Scopo e caratteristiche del sistema AIS
Denis Korablev
  • 05.11.2021
  • 13
  • 0

Scopo e caratteristiche del sistema AIS

Di recente, c'è stato un aumento costante del numero di veicoli sulle strade, lo stesso sta accadendo in mare. Il rifornimento annuale della flotta civile mondiale è di 3000 navi, il cui dislocamento è di oltre 100 tonnellate. E quanto velocemente sta crescendo la piccola flotta, le statistiche tacciono. Considerando un numero enorme di alberi in qualsiasi marina turca, non è un peccato presumere che ci siano almeno 4000 pezzi all'anno.

Le rotte marittime di grandi navi e piccole imbarcazioni si intersecano sempre più spesso; gli incontri non sempre avvengono a distanza di sicurezza, e non tutti gli incontri finiscono bene. Questo problema non viene risolto oggi con l'aiuto del radar, sebbene rilevi l'aspetto di grandi navi vicino allo yacht e aiuti a capire la direzione e la velocità approssimativa del movimento.

All'inizio del 21° secolo (2000), al fine di ridurre le collisioni rischiose tra i trasporti marittimi, è stato sviluppato il Sistema di identificazione automatica (AIS), che consente di ottenere informazioni affidabili e dettagliate sulla situazione di navigazione esistente in un determinato momento.

L'esperienza nell'utilizzo del sistema si è rivelata così vincente che dopo 2 anni i terminali AIS, su richiesta dell'Organizzazione marittima internazionale, sono stati obbligati ad installare su navi da carico con un dislocamento di oltre 300 tonnellate e su navi di qualsiasi tonnellaggio che trasporta passeggeri se effettuano voli internazionali. Secondo gli esperti 2yachts, negli ultimi anni, oltre al semplice riconoscimento di oggetti, l'AIS ha ampliato notevolmente le sue funzioni ed è ora sempre più chiamato il "Sistema informativo automatico"...

Caratteristiche del sistema AIS

Il modulo della nave è un ricetrasmettitore digitale a onde ultracorte collegato al sistema di navigazione della nave e impostato sulla modalità automatica. Ogni 10 secondi (ad una fermata - ogni 3 minuti), riporta prontamente informazioni: ID MMSI univoco, stato di navigazione, coordinate esatte, rotta e velocità, data e ora esatta e velocità angolare di virata.

Le informazioni statistiche vengono riportate ogni 6 minuti: nome, tipo, dimensione della nave, identificatore con numero IMO, nominativo radio. Il ricetrasmettitore VHF è integrato con un sistema di posizionamento (GLONASS, GPS, LORAN). Nella stessa modalità vengono trasmessi i dati lungo il percorso: destinazione, orario di arrivo previsto, tipo di carico, pescaggio, quante persone ci sono a bordo. Se c'è un pericolo che minaccia la sicurezza della nave, è consentito inviare messaggi da essa sotto forma di testi inseriti manualmente.

Queste informazioni possono essere visualizzate sul terminale come una tabella informativa per i veicoli nautici nelle vicinanze o come simboli sovrapposti alle carte nautiche nel chartplotter. Naturalmente, questo rende molto più semplice determinare come deve essere modificato il movimento, data la posizione degli oggetti. Nel sistema le informazioni vengono scambiate via radio nella gamma dei 162 MHz (se le confrontiamo con la radiazione di un radar, la frequenza è molto più bassa). Come sapete, le onde radio lunghe aggirano gli ostacoli, ad esempio isole basse o grandi navi. E la portata dell'AIS si estende per oltre 40 miglia in condizioni favorevoli, in gran parte a seconda di quanto in alto è montata l'antenna.

Solo una versione più semplice del terminal (classe "B") è consentita sugli yacht, così come su altre navi con una capacità di carico inferiore a 300 tonnellate. Ha una potenza di trasmissione inferiore (solo 2 watt, non 12,5 watt come negli apparecchi di classe "A"), che consente di ricevere messaggi entro un raggio di cinque miglia. Un algoritmo di diffusione delle informazioni più semplice consente di inviare messaggi solo quando c'è uno spazio libero in aria tra il traffico radio di grandi navi con apparecchiature di classe "A". Su uno qualsiasi dei 2 canali AIS in ogni momento, può essere trasmesso un solo blocco di letture digitali e le apparecchiature di classe "A" sono in grado di concordare in anticipo l'ordine di emissione.

Da un lato si discriminano le flotte di piccole dimensioni, dall'altro trovandosi di notte in un mare agitato è piacevole sapere che su una nave cisterna in navigazione non lontano dal il guardiano sa per certo che c'è uno yacht di 45 piedi accanto a lui.

L'AIS offre un'altra opzione per gli utenti: installare un ricevitore dal quale non si possono inviare messaggi, ma si possono vedere tutti i movimenti delle navi dotate di terminali perfettamente funzionanti. Non è necessario acquistare dispositivi separati ora, poiché i produttori (ad esempio Icom e Standard Horizon) installano questa funzione nella radio VHF. Tutto sembra andare bene, non costoso e compatto, ma guardare una tabella di testo su un piccolo schermo a bassa risoluzione è un problema e costruire almeno una parvenza di mappa è generalmente fuori dal regno della fantasia.

Pertanto, nel tempo, sono stati sviluppati ricevitori AIS che non visualizzano dati grafici; ma possono convertire le informazioni in pacchetti NMEA standard che la maggior parte dei chartplotter comprende. Esistono ricevitori che possono essere collegati al monitor di un computer tramite USB o tramite Wi-Fi per trasferire le informazioni a dispositivi mobili che funzionano su piattaforma iOS o Android.

L'apparecchiatura AIS ha la stessa gamma di frequenza della radio a bordo, quindi non è necessario installare un'antenna aggiuntiva. Ma va tenuto presente che due diversi dispositivi devono essere collegati a un'antenna tramite uno splitter, il che di solito porta a una diminuzione del livello del segnale. E se l'unica antenna si guasta improvvisamente, la nave verrà immediatamente privata di 2 sistemi di sicurezza.

Conclusione: l'AIS è un aiuto indispensabile del trasporto marittimo nelle manovre operative e sarà utile sia su yacht charter, sia su una piccola barca da mare per la pesca.

Quali altre funzionalità offre il sistema?

Utilizzando l'AIS, varie compagnie di navigazione controllano i movimenti delle loro navi; le agenzie governative potrebbero aver bisogno delle informazioni sulla posizione di qualsiasi carico o nave in qualsiasi momento. Di conseguenza, le apparecchiature AIS sono basate su numerose stazioni costiere.

In situazioni di emergenza, l'AIS viene utilizzato per cercare e organizzare le operazioni di soccorso dei marittimi utilizzando boe di emergenza, trasmettendo i dati del sistema come priorità. Inoltre, i suoi dati accurati vengono utilizzati nelle indagini sugli incidenti che coinvolgono l'aviazione. L'AIS consente alle autorità nazionali di tracciare e monitorare le proprie flotte pescherecce, monitorando efficacemente le loro attività.

Rilasciano anche boe "virtuali", hanno preso il loro nome perché la posizione effettiva degli oggetti non sempre corrisponde alle coordinate indicate nei messaggi. Molto spesso, i trasmettitori sono installati sulla fascia costiera per avvertire dei pericoli che passano vicino alle navi, ad esempio, rocce difficili da vedere o promontori che non hanno fari e sporgono lontano nel mare .

Sorprendentemente, i ricevitori AIS sono anche posizionati sui satelliti! Il raggio di trasmissione dei suoi segnali sul nostro pianeta è limitato dalla visibilità dell'orizzonte, ma nello spazio possono facilmente ricevere da diverse centinaia di chilometri. Almeno dieci dispositivi spaziali che monitorano il flusso del mare sono in funzione attorno al pianeta Terra.

Oggi, le informazioni sulla circolazione del trasporto marittimo, raccolte dalle stazioni costiere e satellitari, vengono riunite e diventano disponibili a pagamento per tutti tramite i fornitori di servizi (uno di questi è Google Earth). Le informazioni sono di sola lettura, gli utenti non sono visibili sulla rete AIS.

Discussione

Per aggiungere un commento, per favore, accedi