Come determinare la forza del vento
Denis Korablev
  • 04.11.2021
  • 15
  • 0

Come determinare la forza del vento

Il vento "alimenta" le barche a vela mentre sono in movimento, quindi qualsiasi velista, che sia un principiante su yacht a noleggio, o un velista esperto su uno yacht che gli è familiare, dovrebbe essere sempre interessato alla direzione del vento e alla sua velocità. Molte persone pensano alla domanda anche prima di lasciare il porto turistico: "Cambierà il vento?"

È difficile dare una definizione precisa di "forza del vento". Quasi tutti i capitani con una vasta esperienza alle spalle non riescono a riconoscere correttamente "a occhio" la forza del vento. A volte, basandosi sul numero di vele sollevate, aiutando il movimento dello yacht, i capitani esperti sono in grado di determinare quasi con precisione la forza del vento sulla scala Beaufort fino a 7 punti. La scala Beaufort è chiamata scala convenzionale (12 punti), che consente di determinare visivamente la forza e la velocità del vento dalle onde della superficie dell'acqua, adottata ufficialmente nel 1838. La scala è stata sviluppata nel 1806 dall'ammiraglio militare Francis Beaufort, che, mentre prestava servizio in marina, osservava regolarmente il vento e registrava i dati in un diario.

È più probabile che i velisti considerino l'entità della forza del vento maggiore del valore effettivo a causa di raffiche improvvise che esplodono in un flusso d'aria uniforme. Si ritiene che la pressione del vento sia direttamente proporzionale al quadrato della sua velocità. Una raffica di vento (con una forza approssimativa fino a 40 nodi) è abbastanza evidente, dall'angolo di rollio della nave, che aumenta di 16 volte. L'attenzione dei velisti è solitamente rivolta alle raffiche di vento burrascose, che creano un pericoloso elenco dello yacht. Le vele sono semplicemente obbligate (e anche gli alberi hanno bisogno) di resistere a un vento così forte e improvviso.

Durante un viaggio per mare è assolutamente impossibile prevedere tutto e il tempo può riservare sorprese inaspettate. Ad esempio, una sola raffica di vento veloce di 64 nodi può facilmente far virare uno yacht o addirittura rompere l'albero. Le raffiche di vento impreviste a 6 punti sono molto più pericolose di un vento uniforme a 7 punti, poiché formano onde "incomprensibili".

Molto raramente, ma si verificano fenomeni anomali come la formazione di onde alte fino a 30 metri con una forza del vento di 6-7 punti. In genere, queste onde corrispondono a una tempesta di 10 punti nell'oceano! Gli scienziati hanno proposto versioni secondo cui tali onde possono verificarsi a causa delle diverse direzioni delle correnti, della presenza di banchi, dei cambiamenti nella direzione del vento, ecc. Una spiegazione scientifica è difficile da trovare e i marinai le chiamano onde "anormali" o "sbagliate". Non potrebbe essere migliore!

La scala Beaufort viene solitamente utilizzata per determinare la forza del vento media (non massima). La caratteristica correttamente formulata suona così: "vento di tempesta con raffiche fino a 50 nodi", non "vento di tempesta di 10 punti". Se le raffiche di vento continuano a lungo, quindi con una tempesta di 10 punti, il loro valore aumenta a 64 nodi.

Nella rivista Sailing Ships, Alan Watts fornisce le linee guida per la definizione di "vento medio da diporto". È necessario aggiungere la forza del vento Beaufort alla velocità media del vento e determinare il valore medio. Ad esempio, la forza di burrasca del vento è di 25-30 nodi con raffiche regolari fino a 40 nodi ad intervalli di 5-10 minuti.

Molte persone preferiscono utilizzare le medie Beaufort, soprattutto perché i meteorologi utilizzano questo sistema per prevedere le condizioni meteorologiche e le tempeste per tutte le spedizioni. Queste informazioni sono rilevanti sia per le grandi navi che per le flotte di piccole dimensioni. In alcune zone, i venti di tempesta si comportano diversamente. Esiste la possibilità che due yacht entro 30 miglia l'uno dall'altro vengano sottoposti a test completamente diversi quando vengono catturati da una tempesta. Ad esempio, uno di loro eviterà un forte vento.

I velisti dilettanti, così come i "lupi di mare", tendono ad aumentare l'altezza delle onde, perché le mettono in relazione con l'altezza dell'albero, il cui valore è sicuramente noto. Qualsiasi membro dell'equipaggio è in grado di calcolare la forza del vento in questo modo, ma questa stima è distorta. Infatti, quando c'è vento, l'altezza dell'onda è sempre meno visibile. Di norma, l'altezza effettiva delle onde rispetto a quella visiva è di 3/5 o anche inferiore. Gli oceanografi dichiarano con sicurezza che è impossibile determinare l'altezza delle onde con l'aiuto di un occhio.

Quindi, una determinazione più o meno accurata della forza del vento si può ottenere solo con l'aiuto dei meteorologi, perché guidati dai dati di appositi strumenti.

Concetti di base - cosa significano?

  • Osservazione in una stazione costiera - fornisce dati approssimativi sulla forza del vento una volta all'ora. La stazione si trova a terra, quindi i dati sulla forza del vento sono generalmente inferiori a causa della turbolenza e dell'attrito del flusso d'aria contro la superficie terrestre.
  • Brezza - vento leggero locale a una velocità di 18-36 km / h, con un invidiabile cambio di direzione costante. Durante il giorno, soffia dal mare alla terra e di notte - nella direzione opposta. La forza del vento dipende dalla differenza di temperatura tra acqua e terra; maggiore è la differenza, più forte è la brezza.
  • Raffica di vento - aumento fulmineo della velocità del vento, breve nel tempo (20-30 secondi). Di solito si verifica a intervalli di 2 minuti. Il valore della raffica è espresso in nodi. Va tenuto presente che le raffiche di vento sull'acqua sono molto meno potenti che sulla terraferma (le differenze nei valori vanno dal 25% al 100%). Le raffiche di vento rendono difficile determinare con precisione la velocità del vento durante una tempesta.
  • Flurry - un rapido aumento della velocità del vento da 12 m / se oltre. Si differenzia da una raffica per forza e durata. La durata minima dello squall è di 60 secondi, ma può durare fino a 10 minuti o più. A volte la burrasca è composta da diverse raffiche acute ed è accompagnata da un acquazzone temporalesco. Il suo aspetto può essere causato dal movimento del fronte atmosferico e dal rapido cambiamento di pressione.
  • Vento tempestoso - continuo (8 punti sulla scala Beaufort) con una velocità di 35-40 nodi. Il verificarsi di una tempesta può essere causato da una burrasca, un tornado in movimento o un ciclone in avvicinamento. I centri meteorologici trasmettono invariabilmente un avviso di tempesta per vento di 8 o raffiche fino a 41 nodi, anche supponendo che non durerà a lungo (10 minuti). I meteorologi non emettono un avviso quando osservano una raffica di vento locale causata da un temporale di breve durata.

Durante una normale tempesta, ci sono onde alte (fino a 8 metri) e lunghe fino a 150 metri. Con una forte tempesta, la lunghezza d'onda è fino a 200 metri e l'altezza è di 9-11 metri. Come notato da esperti velisti 2yachts, è successo più di una volta che la comparsa di un vento di tempesta non ha causato una vera tempesta nell'area proposta , quindi uno yacht specifico situato nell'area avvisi, il vento può aggirare. È difficile fare previsioni accurate delle condizioni meteorologiche in mare.

Discussione

Per aggiungere un commento, per favore, accedi