Come può un velista principiante imparare a capire il vento? Consigli degli esperti.

Come può un velista principiante imparare a capire il vento? Consigli degli esperti.

La storia dell'uso dell'energia eolica per la navigazione nei mari e negli oceani risale a molti secoli fa.

Il vento riempì le vele del leggendario "Argo", il vento infido impedì ad Ulisse di tornare alla sua nativa Itaca. La forza del vento riempì le vele di Colombo, aiutando a muoversi verso l'obiettivo desiderato: la scoperta di nuove terre.

Lo sviluppo tecnico dell'umanità non ha influenzato l'abitudine di usare la vela, solo il numero di navi a vela è diminuito. Ma anche il veliero più primitivo dovrebbe prendere il mare sotto la guida di un velista che conosce il vento.

Cosa significa il termine "imparare a capire il vento"?

Come molti secoli passati, il vento rimane l'elemento principale del raccordo, riempiendo le vele ed essendo il motore naturale e naturale di qualsiasi yacht.

Per navigare in sicurezza, un velista alle prime armi deve conoscere non solo l'attrezzatura velica, ma anche valutare correttamente la situazione con il vento, essere in grado di determinarne la direzione, la velocità e le possibili variazioni del flusso d'aria. Imparare a identificare tali cambiamenti è un'abilità molto necessaria che ti aiuterà a usare efficacemente tutta la forza del vento. La capacità di valutare correttamente la forza e la direzione del vento ti aiuterà a imparare a navigare con la barca anche contro il flusso d'aria in arrivo. Dovrebbe essere chiaro che una vela piena di vento è come l'ala di un aeroplano, che crea portanza mentre spinge lo yacht in avanti.

L'uscita in mare a vela è una sorta di rito, tutti i cui momenti hanno un certo significato, che aiutano il velista a compiere un viaggio di successo. È impossibile ignorare le tradizioni secolari, dimostrate dall'applicazione pratica.

Prima di lasciare il porto turistico, ogni diportista determina la forza e la direzione del vento.

Ci sono terminologia di base del vento. Questi sono i termini lato "sottovento" e "sopravento" della nave.

Prestando attenzione all'albero superiore, alla banderuola, alla forza dello sventolamento della bandiera e allo stato della superficie dell'acqua, i velisti attenti possono determinare con precisione la direzione e la forza del vento.

L'abitudine di usare le tue osservazioni aiuterà un marinaio alle prime armi, dal colore dell'acqua o dalla comparsa di calotte bianche sulla cresta di un'onda, a determinare il cambiamento del vento o le sue raffiche. L'esperienza dei marinai di velieri dei secoli passati, ha lasciato ai velisti moderni molti segni che non dovrebbero essere ignorati. Tali segni dicono del vento:

  • al calar della notte il vento si placa (se no, il tempo sicuramente peggiorerà);
  • la velocità massima del vento è fissata alle ore 13 - 14;
  • forti raffiche di vento ne prevedono l'intensificazione;
  • aumento del vento dopo una pioggia prolungata - per migliorare il tempo;
  • un forte aumento del vento dopo la pioggia: è possibile una raffica;
  • il vento si placa durante una tempesta - molto probabilmente, cambierà direzione.

I marinai più esperti tengono conto delle differenze di vento distinguendo tra vento reale e apparente.

Il vero vento è il vento che rinfresca il velista da fermo.

Il vento di pennant è determinato sommando il vento reale e il flusso in arrivo che si verifica quando lo yacht è in movimento. È abbastanza logico che se il vento vero è un vento contrario o un vento al traverso, il vento apparente soffierà più forte e, di conseguenza, il vento apparente si indebolirà con un vento in coda. Questi fattori influenzano direttamente la velocità di una nave a vela.

Il vento apparente raggiunge la sua velocità massima su determinate rotte (da gulfind a beydewind), e scende al minimo sulla rotta di fordewind.

Contro il vento, il veliero non può muoversi: la vela sventolerà inutilmente. Questa posizione della nave è chiamata Head to Wind - una zona morta.

Per questo motivo nella navigazione è essenziale il rapporto della barca e della vela con la direzione del vento. La stragrande maggioranza delle barche a vela può navigare rispetto al vento, con una rotta di almeno 45 gradi.

Gli esperti consigliano ai velisti alle prime armi di imparare e memorizzare alcuni termini più comunemente usati nella vela:

  • sottovento: movimento della barca con vento favorevole;
  • lato sopravvento: il lato o la direzione da cui soffia il vento;
  • lato sottovento: il lato opposto al lato sopravvento;
  • mure a dritta: quando il lato al vento è sul lato di dritta dello yacht;
  • mure a sinistra: lato sinistro, lato sopravvento;
  • condurre nel vento: velocizzare la barca cambiando la rotta, che è più netta rispetto al vento;
  • rotolare nel vento: rallentare, aumentando l'angolo tra la direzione del vento e il piano centrale dello yacht.

Il piano diametrale è la linea immaginata che corre esattamente al centro dello yacht (da prua a poppa).

Quando ci si sposta in una certa direzione con vento contrario, viene utilizzata la virata: una serie di manovre che ricordano uno zigzag, mentre si cambia la virata. Il cambio di virata viene effettuato quando si esegue un overshot di virata (in questo caso, la prua dello yacht taglia la linea del vento), o in fordewind (la poppa attraversa la linea del vento).

La virata overschlag inizia con una leggera inclinazione della barca (di 5 - 10 gradi), verso il lato sottovento. Allo stesso tempo, la barca riceve un impulso che le consente di spostare una distanza di più scafi controvento. La barca costeggerà per alcuni minuti, permettendoti di prestare attenzione alla preparazione per la prossima virata. Quando la prua della barca attraversa la linea del vento, le vele si sfaldano, ma non appena la trinchetta inizia a riempirsi d'aria, deve essere raccolta. La randa gira da sola, ma bisogna stare attenti al boma.

Più spesso vengono effettuate virate di 90 gradi, più velocemente la barca si muoverà di bolina.

La virata in poppa viene eseguita guidando la poppa attraverso la linea del vento. Va tenuto presente che quando si gira il fordewind, viene preso un angolo di pochi gradi, ma non di 90, come nell'overschlage. La barca perde stabilità quando si vira di vento, una deriva leggermente abbassata lo compensa, ma la manovra deve essere eseguita dolcemente, senza brusche virate del timone. Quando lo yacht supera la linea del vento a poppa, la randa viene issata dolcemente e ordinatamente e l'equipaggio della nave trasferisce il peso sul lato sopravvento, aumentando la stabilità della barca.

Fordewind e overslag vengono eseguiti da frequenti cambi di virata, rispetto al vento contrario, muovendosi a zig-zag (manovra).

Quando si eseguono queste manovre, è più che mai necessario un lavoro ben coordinato e amichevole di tutta la squadra. Il compito principale durante le manovre non è entrare nella "zona morta" (leventica).

La camminata facile e veloce per il vento è difficile da chiamare, ma viene fornito un sacco di tempo e addestramento nelle manovre. L'efficacia della rotazione di prua viene considerata in funzione delle caratteristiche e del tipo di imbarcazione.

Lo yachting, come forma di svago, dà la possibilità di diventare un vero lupo di mare a una persona di qualsiasi età e caratteristiche fisiche. Combinando un estremo inimmaginabile e una vacanza meravigliosa, lo yachting ha cessato da tempo di essere un privilegio dei ricchi. Oggi il costo di un charter nautico settimanale non supera il costo della vita in albergo, a conferma della democraticità di questo tipo di vacanza.

La cosa principale è il desiderio di imparare un lavoro difficile, attenzione e concentrazione durante il nuoto.

Buon vento!

Discussione

Per aggiungere un commento, per favore, accedi